……SAN  MARTINO……

       (ruin)…………….in VALLE…..

 

L’edificazione del cenobio di San Martino In Valle si fa risalire all’anno 1044 per volontà del Conte CREDINDEO di Teate,che donerà alla sua morte il Monastero ai monaci….. di osservanza Benedettina….

Il possesso del Monastero da parte dei Benedettini fu confermato con Bolla papale nel 1222 da Onorio III,

che l’anno prima aveva già messo sotto la tutela del Vaticano l’intero Monastero….

Nel 1304 S.Martino in Valle passò sotto la giurisdizione del  Vescovo di Chieti…..e nel 1452 il Papa Nicolo’  V  soppresse il Monastero ormai privo di monaci,unendolo al Capitolo Vaticano……(cfr.U.Pietrantonio….”Il Monachesimo Benedettino nell’Abruzzo e nel Molise”).

……..Solo dopo il 1600….dopo cause infinite…….anche con la Sacra Rota….la giurisdizione fu ancora riconosciuta al Vescovo di Chieti…….fin quando nel 1637,con un accordo, la giurisdizione   ecclesiastica sul Monastero di San Martino in Valle passò al Capitolo Vaticano….

Purtroppo,la particolare localizzazione del cenobio,subito dopo le strette gole che a quota 495 permettono il passaggio da Fara S.Martino alla Valle di Santo Spirito ,sulla Majella Orientale,ha fatto subire al Monastero di S.Martino in Valle ben 3 alluvioni……(….1451….1760….1919 ),con le acque e i detriti provenienti,dopo abbondanti precipitazioni, dalle 3 valli in successione che portano a Monte Amaro: S.Spirito,Macchialunga e Cannella….

Ricostruito dopo le prime due alluvioni,forse il Monastero,oggi sepolto fino al campanile, verrà riportato alla luce e  ricostruito com’era….

Tutte le foto risalgono al 21 Gennaio 1996….

                                           Gianni Di Muzio