Laghi  e  Sorgenti

    dell’  Agro Nero

 

 

                    a cura di Gianni Di Muzio

 

Che  i  Monti della Lega siano ricchi di acque a scorrimento superficiale è noto…..grazie alla natura marnosa-arenaria dei terreni,e i salti di roccia formano numerose cascate.

Ma la Laga è il più ricco,tra i Monti dell’Appennino,  di risorgive ,pozzi , e torbiere stagnanti in quote elevate e pianeggianti,e la zona dell’Agro Nero è ricca anche di laghi e laghetti di tipo alpino,sui 1500 metri slm.

Questa parte del Parco Nazionale della Laga,nel versante occidentale,preservata oggi anche come “Oasi” del WWF,è raggiungibile da tre bellissimi sentieri:

1-la via “non segnata”della boscosa e selvaggia cresta che s’inerpica tra la Val Chiarino e il Fosso Cerreto,partendo da quota 1020 di Colle di Arquata;

2-il sentiero con segnavia 375 che parte da Poggio d’Api e risale la Valle in Su;

3-la sterrata che parte da Illica e aggira  a quota 1500 il laghetto  della Selva e il Lago Secco .

 

Versante Occidentale della Laga…….by Google Earth

…inquadrata dal satellite la Val Chiarino e l’Agro Nero

 

Il Lago della Selva,a quota 1498 (foto 16.11.02)

 

……..stagni e  laghetti dell’Agro Nero,a quota 1490

 

Monti della Laga: pozze e stagni formati dalle acque risorgive dell’Agro Nero

 

Il lago Secco,a quota 1548 (foto del 5.5.2007)

 

Monti della Laga: Lago Secco-quota 1548

 

 

Il lago Secco (foto 5.5.07-Obiettivo Sigma 10 mm)

 

Lago Secco ………il 16.11.02

 

 

Il lago Secco……..foto 16.11.02 (Obiett.Pentax 18mm)

 

Lago Secco……il 5.5.07 (Obiett.Nikon 10,5mm)

 

 

Lago della Selva……il 16.11.02 (Obiett.Pentax 18 mm)

 

La zona delle risorgive e stagni dell’Agro Nero,q.1490